DUE GIORNI DI RELAX AL PIANO DI LISZT  E PER AMMIRARE LA FIORITURA DELLE ROSE

Il presidente Tommaso Agnoni: speriamo di poter collaborare per qualcosa di esclusivo

Il maestro Stefano Bollani è stato ospite del presidente della Fondazione Roffredo Caetani, Tommaso Agnoni al Giardino di Ninfa. Due giorni, il 2 e il 3 giugno durante i quali il maestro ha potuto ammirare la bellezza del luogo e restare incantato dal momento straordinario della fioritura delle rose.

“Bollani – spiega il presidente della Fondazione Roffredo Caetani, Tommaso Agnoni – ha voluto visitare il giardino il 2 giugno e perdersi nel fascino di Ninfa insieme ai tanti visitatori che anche lo scorso weekend sono venuti a trovarci. Il maestro ha poi  chiesto di tornare anche il giorno dopo per lasciarsi ispirare dal luogo e suonare il famoso pianoforte a gran coda Bechstein del 1884 che abbiamo a disposizione nel salone dell’antico municipio di Ninfa e che venne regalato a Roffredo Caetani dal suo padrino, Franz Liszt. Una occasione unica per ascoltare la sua musica che potrebbe portare a qualcosa di straordinario, magari nel prossimo futuro. Chissà che il maestro non voglia regalarci qualcosa di più di una semplice visita. I Caetani hanno sempre voluto rendere Ninfa un luogo dove celebrare la bellezza della natura, della storia e un angolo suggestivo per artisti e intellettuali. Noi, come Fondazione Roffredo Caetani, abbiamo sempre lavorato per portare avanti questa tradizione. Ho avuto modo di ribadirlo a Bollani chiedendogli, perché no, di avviare una collaborazione per fare in modo che Ninfa, anche nei suoi primi Cento anni di bellezza, continui ad essere un luogo di ispirazione”.